venerdì 29 giugno 2012

Seconda Tappa Donostia-Zarautz


video

sul Cammino del Norte con Bici Brunello
La Playa di Donostia....

Bella panchina che guarda l'isola di Santa Clara a Donostia
Dopo una tappa così impegnativa mi sono rifugiato nella bellissima Donostia per ben due giorni. Se siete bravi, fatevi voi prendere dalla frenesia con una spiaggia deserta, long drink a buon prezzo e una città che vi aspetta con il sorriso. I pellegrini fedeli al loro calendario, mi hanno superato, e sono rimasto a Donostia il 15 di Giugno ad organizzarmi le tappe successive e a comprare le ultime cose per il viaggio.
Il centro di Donostia offre un po di tutto a buon prezzo, quindi vi consiglio di comprare qui direttamente cose come asciugamani, ciabatte, saponi vari, trucchi, parrucche, baffi finti... e tutti i vostri "indispensabili oggetti"che vi potrebbero pesare nella prima tappa.

cammino del Norte con Bici Brunello

La mattina dopo parto dall'Albergue del pellegrino di Donostia per la strada che porta a Igeldo. Non provate neanche a seguire il percorso del pellegrino in questa prima parte della tappa. E' la stessa ostellante a raccomandarsi caldamente, e questa volta, rinuncio a fare di testa mia, sento che ha ragione. Proseguo quindi tranquillamente su questa bella salita in direzione Orio, senza troppe macchine, forse perchè è anche sabato mattina. La corsia sulla destra è larga abbastanza per passare con un risciò, altro che le strette strade dove rischio la vita, a casa mia.
Qui poi sono tutti estremamente civili al volante, e non mi è quasi mai capitato che mi facessero "il pelo" come in Italy. Talvolta attendano pazientemente lo spazio necessario per superarmi, mentre io, andando tranquillamente, nel bel sole del mattino, mi trovo di nuovo davanti le frecce gialle del cammino e qualche pellegrino che le segue speranzoso. Li saluto con il solito: "Buon Camino!", che suona quasi come una presa di giro alle loro, reali fatiche, in questa parte. Sono già tutti rossi in volto, la parte che ho saltato doveva essere davvero dura, ma adesso è ora di rituffarsi nel cammino originale e, superato il monte Igeldo, mi mescolo al loro percorso, fra strade scoscese e vallate dove è necessario andare avanti a piedi.
Il paesaggio è come al solito fantastico, incontro i soliti animali, lasciati liberi di scorrazzare. Per proseguire nel cammino talvolta è necessario aprire dei cancelli, ma richiudeteli, se non volete combinare un gran casino con le vacche che vi girano intorno.

Cammino del Norte Bici Brunello
Verso Monte Igeldo da Donostia
Bici Brunello pone il timbro
Brunello pone il timbro dopo il Monte Igeldo...
... e ritorna sul sentiero originale..
Ura Ona Cammino del Norte
... Dove c'è l'acqua bona.. anzi .. L'Ura Ona!!!

in Cammino con Bici Brunello
Cammino dopo Monte Igeldo

Cammino del Norte con Bici Brunello
Pellegrino all'orizzonte!




Sul cammino del Norte con Bici Brunello
Muuuuuuu Pellegrino!

Hiiiihiiiii Pellegrino!
Cammino del Norte
O pellegrino.... Pedali o fai foto??
In viaggio con Bici Brunello
Più che una bici, urge un trattore!

Dal 14° chilometro in poi dovete tenere gli occhi ben aperti. I cartelli indicano chiaramente quale strada è per i pellegrini e quale per le biciclette. La strada asfaltata è comunque bellissima, e qui sono tanti i ciclisti che vengono ad allenarsi da tutta la regione. Ci si saluta con uno: "Yeppa", ho imparato qua, vivendo. In basco non vuol dire niente, ma la gente di queste parti lo usa come un grido di incitazione, una estemporanea manifestazione di gioia, esclamazione che viene spesso accompagnata da un sorriso fraterno. Meglio evitare di salutare con "Hola", al limite optate per un globalizzato "Hello".

Seguendo la strada si arriva ad Orio. Un bel molo sul fiume che sfocia nel mare, vi da il benvenuto. Se lo si percorre tutto fino al mare può capitare di incontrare i ragazzi della scuola di remo che si allenano su queste placide acque. Consiglio una pausa in questa oasi di pace, prima di proseguire nell'interno, in cerca del ponte che vi porterà dall'altra parte, in direzione di Zarautz.

video

Cammino del Norte Con Bici Brunello
Faro di Orio
Sul molo ad Orio
Dopo una bella salita sui duecento metri fra terreni coltivati a vigna raggiungerete la vetta nei pressi di Talaimendi (circa 19° Km) , e la discesa sarà vostra fino a Zarautz. Tranquilla località di mare dove vengo fermato dalla polizia per il passaggio di una corsa... ciclistica.
Impossibilitato a proseguire mi siedo e mi godo lo spettacolo di questi ciclisti baschi, e del tifo genuino di questa gente, che ha entusiasmo da vendere e vive ogni evento come un occasione per fare un po' di sano baccano.

Gara ciclistica a Zarautz
sul cammino del Norte con bici brunello
Zarautz e le nubi in arrivo
Mi reco al punto informazioni di Zarautz, dove trovo una furbetta che non mi vuole dire dov'è l'economico albergue del Pellegrino, ma che invece spende molte parole per indirizzarmi verso le pensioni a disposizione negli immediati paraggi.
Essendo ben consapevole che gli Albergue del Cammino, in questo periodo, sono pressoché deserti, la saluto con uno sguardo di compassione e vado al supermercato per annegare in un mezzo litro di Yogurt alla Fragola il dispiacere di incontrare certa gente nel mondo.
In compenso il tempo peggiora, la gente scappa dalle spiagge, sarà l'ira del cammino per questo affronto al pellegrino Brunello? Non so, comunque rischio di esserne vittima io stesso. Quindi decido di proseguire, ho ancora benzina nel motore, e punto a spostarmi da questa cittadina senza storia che,  bella spiaggia libera a parte, sembra fatta per spillare quattrini alla gente.... pare marina di pisa, e mi dileguo.


Il tempo grigio all'orizzonte mi nasconde il sole adesso, l'oceano si infrange sulle scogliere a strapiombo sotto di me.
Senza il caldo vado meglio, ma in questa lotta contro il tempo, so che il traguardo potrebbe essere sotto il temporale. Proseguo, incurante del pericolo, mi affido ancora all'istinto e penso guardano l'acqua che già cade lontana sulla cima del monte:

"Vai avanti Brunello, punta dritto al tuo cammino"


Nessun commento:

Posta un commento